CREMIT

IMPOSTAZIONE CURRICOLO DI EDUCAZIONE DIGITALE IN CONTINUITÁ TRA LE SCUOLE DELL'ISTITUTO

 

Il bisogno che è emerso maggiormente è stato quello di coniugare la storia dell’Istituto con una società che offre cambiamenti tecnologici costanti, individuando una didattica innovativa e al passo con i tempi.

A partire da giugno 2018 è stata pertanto attivata da parte del Consiglio di Amministrazione una collaborazione con il CREMIT (Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media, all’Informazione e alla Tecnologia) dell’Università Cattolica http://www.cremit.it/ che ha permesso di avviare una formazione mirata per i docenti finalizzata ad innovare le metodologie didattiche fornendo un costante supporto formativo e pedagogico.

Le prospettive di base da cui partire sono state complementari:

  • favorire l’apprendimento per competenze, secondo i dettami delle più recenti teorie pedagogighe;
  • strutturare la didattica con gli EAS (episodi di apprendimento situato), che valorizzano la possibilità di sperimentare concretamente quanto si apprende e di accrescere la propria capacità riflessiva e valutativa, ponendo un accento all’aspetto metacognitivo.

L’intreccio tra questi due approcci intende valorizzare maggiormente un apprendimento attivo ed esperienziale da parte degli allievi, creando ponti tra le differenti discipline scolastiche e favorendo la verticalità dei curricoli. L’offerta didattica è stata integrata per ogni classe con un laboratorio strutturato di Media Education, il MELab, condotto da esperti CREMIT per a.s. 2018/19 con programmi specifici per ogni età.

Il programma è coerente con le con le indicazioni proposte nel 2018 dal Ministero dell’Istruzione, che ha sottolineato la centralità dell’Educazione Civica Digitale, ipotizzando curriculi verticali nella Scuola dell’Infanzia alla Primaria e poi alla Scuola Secondaria che permettano di affrontare aree complementari fra loro quali:

- Internet ed il cambiamento in corso

- Educazione ai media

- Educazione all’informazione

- Cultura e creatività digitale

 

Ogni classe, nei diversi ordini di scuola, sviluppa un particolare aspetto delle tecnologie digitali e dei linguaggi espressivi, con l’obiettivo di accrescere le competenze dei bambini su di un utilizzo corretto e creativo dei media contemporanei.

Il curricolo risulta pertanto articolato come segue:

Scuola dell'Infanzia

Il percorso si incentra sulla prima familiarizzazione corretta con i media, per approfondire un particolare linguaggio con lo scopo di far conoscere e far sperimentare ai bambini cosa “possono fare” in modo attivo con questi nuovi strumenti.

Le attività proposte prevedono anche l’analisi e l’osservazione del consumo mediale dei bambini e la realizzazione di vari prodotti durante l'anno. La metodologia didattica utilizzata abbraccia principalmente un approccio ludico e creativo attraverso attività e tecniche già familiari ai bambini, come la manipolazione e i giochi legati alla percezione dello spazio.

Il percorso sollecita la creatività dei bambini attraverso la trasformazione di oggetti, luoghi, dettagli fisici in forme, colori, flussi grafici artistici, attraverso l’utilizzo di device digitali e di app specifiche per sperimentare le potenzialità creative attraverso cui elaborare un’immagine.

La proposta viene articolata come segue:

3 anni | Giochiamo con le immagini

Il percorso sollecita la creatività dei bambini attraverso la tecnica fotografica. Le attività consentono ai bambini di scoprire, in modalità ludica, il mondo che li circonda (classe, giardino, orto) attraverso l’occhio della macchina fotografica.

4 anni | Trasformiamo la realtà in modo creativo

Il percorso sollecita la creatività dei bambini attraverso la tecnica dell’animazione video. Le attività consentono ai bambini di svelare i segreti dell’animazione e dei cartoni animati portandoli a comprendere i meccanismi narrativi e stilistici dell’animazione

5 anni | Giochiamo con il video animato

Il percorso sollecita la creatività dei bambini attraverso la tecnica dell’animazione video. Le attività consentono ai bambini di svelare i segreti dell’animazione e dei cartoni animati portandoli a comprendere i meccanismi narrativi e stilistici dell’animazione.

 

 

Scuola Primaria

Il percorso intende educare i bambini a un consumo corretto ed equilibrato dei media.

Ogni classe sviluppa un particolare aspetto del linguaggio mediale con l’obiettivo di accrescere le competenze su un utilizzo corretto e creativo dei linguaggi digitali.

La metodologia permetterà ai bambini di sviluppare maggiore capacità di regolamentazione rispetto al loro consumo dei media e la concreta realizzazione di vari prodotti durante l'anno.

L’approccio è ludico ed esperienziale, per unire il piacere della sperimentazione al rigore delle conoscenze.

Il MELab prevede due ore settimanali per classe e tratterà le seguenti tematiche:

CLASSE PRIMA : Coding… non solo numeri

L’attività sviluppa competenze di programmazione e di previsione, attraverso differenti modalità, per stimolare capacità progettuali e sviluppare il problem solving, non solo in ambito matematico.

CLASSE SECONDA : Le immagini raccontano

L’attività prevede la progettazione, la realizzazione e l’utilizzo da parte dei bambini di una web radio che permetta di sperimentare concretamente il piacere e il potere di fare informazione intelligente.

CLASSE TERZA Game, che passione!

L’attività sviluppa competenze di programmazione e di previsione, attraverso differenti modalità, per stimolare capacità progettuali e sviluppare il problem solving, non solo in ambito matematico.

CLASSE QUARTA Costruiamo una web radio

A partire dai consumi ludici dei bambini, si sviluppa una riflessione analitica e una progettazione che identifichi gli elementi chiave dei giochi e dei videogame e che stimoli pensiero divergente e creatività narrativa.

CLASSE QUINTA Eh ora…pubblicità!

L’attività approfondisce la valenza promozionale, il target e le retoriche comunicative dei media. L’obiettivo sarà quello di realizzare alcuni spot di promozione della scuola, da usare nei canali comunicativi ufficiali e informali.

 

Scuola Secondaria di Primo Grado

 

Il percorso intende sviluppare le competenze dei ragazzi e delle ragazze per un uso consapevole e corretto dei media digitali.

Ogni classe sviluppa un tema specifico delle pratiche mediali, con l’obiettivo di accrescere non solo le conoscenze sul funzionamento tecnologico, ma anche sulle regole da rispettare e sulle potenzialità comunicative e creative dei linguaggi digitali.

La metodologia didattica permetterà agli studenti di sviluppare una maggiore capacità di regolamentazione rispetto al loro consumo dei media e prevede la concreta realizzazione di vari prodotti durante l'anno. L’approccio è esperienziale, per unire il piacere della sperimentazione al rigore delle conoscenze.

 

Il laboratorio prevede 2 ore settimanali per ogni classe, negli spazi solitamente dedicati alle ore di informatica e tecnologia.

 

CLASSE PRIMA : Cyberstupidy? No, grazie

Il laboratorio permetterà di acquisire le competenze chiave e gli strumenti adeguati per imparare a stare nei social network e sui media digitali in modo responsabile e adeguato, creativo e consapevole.

CLASSE SECONDA : Le mille storie da raccontare

Il laboratorio approfondirà il concetto di digital storytelling in una logica sociale e culturale, offrendo ai ragazzi la capacità di realizzare differenti stili di racconto, dall’informazione alla fiction, e sperimentando direttamente la produzione di diversi formati e temi.

CLASSE TERZA : Influencer dell’informazione

Il laboratorio affronterà le diverse modalità di fare informazione (giornali web, blog, tv, radio…), per sensibilizzare i ragazzi sulle fake news e sull’hate speech, facendo emergere le potenzialità informative dei media digitali e costruendo una piattaforma giornalistica crossmediale, secondo le logiche degli youtuber.

 

Per tutti gli ordini di scuola dopo un anno di docenza condotta da personale CREMIT , a.s 2018/19, volto a tarare meglio la proposta didattica sull’utenza dell’Istituto Achille Ricci, l’intervento sarà condotto con l’affiancamento della docente di classe e coordinato, a partire dall’a.s. 2020/21, dalla docente che sta frequentando il master per animatore digitale.

Nel corso del triennio saranno inoltre rivalutate le tematiche da proporre alle classi per rendere l’intervento più adeguato all’evoluzione della società in corso.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.